PADOVA

VENERDÌ 28 MAGGIO 2021

Convegno on line della Fondazione Zancan sulla disabilitÓ
Coltivare la vita in ogni etÓ e per ogni persona Dialogo interreligioso sui fondamenti etici e valoriali
Le problematiche della vita autonoma delle persone con disabilitÓ sono in attesa da tanti anni di risposte convincenti per figli e genitori. Nascono dal diritto di ogni persona alla speranza di vita e dalla possibilitÓ di costruirla in modi solidali con soluzioni umanizzanti non istituzionalizzanti. Le proposte non mancano e sono mature le condizioni per un confronto aperto, approfondito e costruttivo.
╚ questo il quadro dentro il quale la Fondazione Zancan di Padova propone il convegno on line "Coltivare la vita in ogni etÓ e per ogni persona" (venerdý 28 maggio 2021, 18.30- 20, partecipazione gratuita).
Nel convegno il problema Ŕ affrontato con un dialogo interculturale e interreligioso per entrare nel merito dei fondamenti etici e valoriali per sviluppare soluzioni sostenibili. Intervengono il cardinale Matteo Zuppi (arcivescovo di Bologna), Adolfo Aharon Locci (rabbino capo di Padova), Yassine Lafram (presidente Unioni delle ComunitÓ Islamiche), Eugenio Bernardini (giÓ moderatore della Chiesa Valdese). Seguiranno riflessioni di Anna Contardi (Roma), Carlo Grilli (Trieste) e Maurizio Zerilli (Rovigo). La sintesi finale sarÓ curata da Tiziano Vecchiato, Presidente Fondazione Emanuela Zancan.
Il dialogo proseguirÓ con un successivo convegno approfondendo le condizioni giuridiche ed economiche necessarie per garantire sostenibilitÓ sociale ed esistenziale alle proposte. Si tratta di proposte che nascono da studi di fattibilitÓ e da esperienze che indicano soluzioni possibili di vita autonoma, con incontri virtuosi di responsabilitÓ e risorse pubbliche e private. ╚ infatti un tema a cui la Fondazione Zancan crede molto e a cui lavora da molti anni. L'iniziativa pi¨ recente Ŕ la ricerca "Con noi e dopo di noi" realizzata nelle province di Padova e Rovigo in collaborazione con Fondazione Cariparo.


sommario

pd-119
14 maggio 2021
scrivi al senatore
Tino Bedin