IDEE
E FATTI
DI

            











 



 




di Tino Bedin
Siamo Europei
  Manifesto
  per le elezioni
  dell'Unione

Arrivare al secolo di pace
in Europa:
il mandato per i giovani

Il timore che si stiano dimenticando
le tragiche lezioni del Novecento

C'è un tesoro positivo che noi nipoti dei combattenti e dei caduti della Grande Guerra possiamo trasmettere: a differenza dei nostri nonni e dei nostri genitori la nostra generazione è la prima che ha goduto della pace ininterrotta nell'Europa occidentale. Fino ad oggi, dopo due guerre tra europei che hanno incendiato il mondo, i popoli ed i governanti del continente hanno scelto l'unità europea come condizione di pace e di prosperità.
Il centenario della pace dopo la Grande Guerra è il tempo per chiamare alla costruzione del futuro i ragazzi e i giovani che con i loro coetanei di tutto il Continente vogliono costruire un destino condiviso. Se ciò diverrà convinzione e vita dei giovani sarà davvero un modo positivo per concludere nel 2018 il centenario della Grande Guerra europea, dichiarando a noi e alle generazioni future che vogliamo continuare a camminare sulla strada della pace fino a consegnare ai giovani di oggi il mandato di arrivare al primo centenario di pace in Europa.

La cultura
  gender
  fuori da molte
  Costituzioni

La prima
(e finora unica)
rivolta
generazionale

Con Gender X
l'anagrafe diffonde
nel mondo
l'utopia del neutro

La pace
costruita e vissuta
da noi, gli Europei
nel 2019

Una minoranza
di studenti
per un fenomeno
planetario di massa

diario
Centenario
In cerca
dell'attualità
del Partito Popolare

rassegna stampa


Politica
Gli italiani
sentono il bisogno
dei cattolici?

il libro dei lettori


Redazione
Euganeo.it
Aggiornamento
26 marzo 2019
Scrivi a
Tino Bedin
Città e paesi della provincia di Padova in Parlamento Europei in Politica Tino Bedin