IDEE
E FATTI
DI

            











 



 




di Tino Bedin
Il popolarismo
  sturziano
  tiene insieme
  la comunità

Dimostrare che la vita
è possibile a chi
si è già arreso alla morte

L'emarginazione sanitaria continua e non utilizza solo dei lazzaretti

L'ospedale da campo richiede di correre rischi, molti più rischi che negli ospedali stabili. Le persone che vi arrivano sono sconosciute, non hanno documenti, non hanno certificati medici. E non si possono isolare o selezionare: bisogna prenderli come sono.
Sono tutte situazioni nelle quali la persona è importante solo per le sue ferite; tutto il resto eventualmente verrà dopo.
Sono tutte situazioni di emergenza e di urgenza, nelle quali la Chiesa ospedale da campo impara ad accogliere, accompagnare e guarire. Impara anche ad assumersi quotidianamente le proprie responsabilità. In un ospedale da campo più che nelle strutture sanitarie stabili la capacità e la scelta del medico è una questione di vita o di morte per il ferito: il medico deve essere presente ad ogni costo e non può rinviare nel tempo e non può aspettare che intervenga uno più bravo di lui o più specialista di lui.
E deve dimostrare, la Chiesa ospedale da campo, che la vita è ancora possibile a persone che si sono già arrese alla morte, avendo visto disastri e cadaveri attorno a sé.

Nell'urbanistica
  dell'incontro
  piazze e ospedali
  da campo

Un partito
di cattolici
per la libertà
di tutti gli italiani

C'è Libertas
sullo scudo crociato
degli storici
Comuni italiani

Un prete
che frequenta
il popolo a Roma
e in Sicilia

L'accusa
del tessuto
produttivo veneto:
"Paese in stallo"

diario
Ecumenismo
Con la bandiera
europea
su un unico altare

rassegna stampa


Alzheimer
Nel buio
tenendo per mano
una bambola

il libro dei lettori


Redazione
Euganeo.it
Aggiornamento
20 settembre 2019
Scrivi a
Tino Bedin
Città e paesi della provincia di Padova in Parlamento Europei in Politica Tino Bedin